Barcellona ordina la chiusura di 30 cannabis club

9 Luglio 2024

https://beteve.cat/author/roger-torres/

https://beteve.cat/politica/barcelona-obliga-tancar-30-clubs-cannabics-consum-venda-droga/

Barcellona ha imposto la chiusura di 30 cannabis club della città, dopo che la Guardia Urbana e i tecnici comunali hanno verificato che in tutte e 30 le associazioni venivano vendute, consumate o distribuite droghe, cosa non consentita dalla normativa attuale.

Secondo ‘El Periódico‘ e confermato da fonti comunali, i club che dovranno chiudere sono sparsi nei 10 quartieri di Barcellona, ​​anche se un terzo di questi sono concentrati nella Ciutat Vella e nell’Eixample.

Gli ordini di chiusura (che vanno da sei mesi a due anni) non saranno immediati perché i responsabili delle associazioni di cannabis potranno ricorrere contro di essi. La Giunta ritiene però che le eventuali accuse non avranno molto appeal e che, tutto sommato, a settembre tutti e 30 i club dovranno abbassare le serrande. Oltre a questi, i tecnici comunali e la Guardia Urbana hanno ispezionato altri 20 locali, ma questi sono conformi alle norme e potranno restare aperti.

Fonti comunali hanno confermato anche a Betévé che il Consiglio Comunale promuoverà più controlli presso le associazioni di cannabis, soprattutto quelle che causano maggiori danni all’ambiente. A Barcellona ci sono un totale di 212 club registrati come locali di questo tipo.

È vietato fumare spinelli nei cannabis clubs

Uno dei motivi principali che ha portato a disporre la chiusura dei locali è che il Consiglio Comunale ha accertato che all’interno si consuma droga. Allo stato attuale della normativa, è vietato fumare uno spinello o usare qualsiasi stupefacente, così come la vendita o la distribuzione di droghe. Al momento, infatti, le associazioni cannabiche possono svolgere solo “attività di club sociale” e limitarsi a “fornire informazioni, preparare o diffondere studi”.
Barcellona ha anche approvato un piano urbano per regolamentare l’apertura di nuovi cannabis club nel 2016, ma cinque anni dopo, nel 2021, il TSJC lo ha annullato.


Barcellona ordina la chiusura di 30 associazioni di cannabis per non aver rispettato le normative

09.07.2024

David Fernández

https://www.larazon.es/cataluna/barcelona/barcelona-ordena-cierre-30-asociaciones-canabicas-incumplir-normativa_20240709668d75d6c53ff800017431bf.html

Il Comune di Barcellona continuerà le ispezioni di questo tipo di strutture per garantire che rispettino le normative
Il Comune di Barcellona ha ordinato la chiusura di 30 associazioni di cannabis della città dopo aver verificato che non rispettavano le disposizioni della normativa vigente, che impediscono la promozione, il consumo o la distribuzione di questo tipo di sostanze.


Secondo quanto riportato martedì da ‘El Periódico’, il Comune di Barcellona continuerà i controlli su questo tipo di stabilimenti per verificare che rispettino i requisiti della normativa e ne ordinerà la chiusura in caso contrario.

Una sentenza della Corte Superiore di Giustizia della Catalogna (TSJC) nel 2019 ha sospeso il piano urbanistico speciale per l’organizzazione di cannabis club e associazioni nella capitale catalana, ritenendo che invadesse i poteri statali in materia di legislazione penale.
La Corte Suprema ha respinto il ricorso del consiglio nel 2021 e la decisione giudiziaria è stata definitiva.

Dopo la decisione del tribunale, il consiglio comunale ha avviato il processo affinché i club si adeguino alle normative attuali, che sottolineano che questo tipo di locali non possono promuovere, consumare o coltivare questo tipo di droga.
Nelle dichiarazioni riportate dai suddetti media, l’Assessore alla Sicurezza, Albert Batlle, ha sottolineato che questo tipo di club “non hanno posto” in città, poiché devono rispettare le normative vigenti, e che “fanno parte dei problemi legati al consumo di droga”.

Inoltre, la volontà del Consiglio è di fare altrettanto con gli altri club di questo tipo se non rispettano la normativa vigente, che impone loro di limitarsi a fornire informazioni, elaborare studi, elaborare proposte, esprimere pareri sulle materia e promuovere incontri o seminari.


Barcellona ordina la chiusura di 30 cannabis club e ne chiuderà altri

10 Luglio 2024

Marta Sánchez Iranzo

https://www.elnacional.cat/es/barcelona/barcelona-ordena-cierre-30-clubs-cannabicos-clausurara-mas_1250090_102.html

Diversi accertamenti tecnici da parte del Comune e della Guardia Urbana comprovano l’inosservanza.
Offensiva del Comune di Barcellona contro i cannabis club della città. Secondo El Periódico, il comune ha ordinato la chiusura di 30 cannabis club situati in 10 diversi quartieri della città. La decisione arriva dopo mesi di sopralluoghi da parte di tecnici comunali e agenti della Guardia Urbana, che hanno portato a stabilire che gli stabilimenti sono “i più conflittuali”, poiché provocano lamentele dei vicini o sono accertati consumi e possibili vendite in loco . Per questo motivo è stato aperto un procedimento sanzionatorio per la chiusura forzata. La chiusura dei locali dovrà avvenire tra i sei mesi e i due anni, come prevede la norma. Questo martedì è stato aperto il periodo in cui gli interessati possono sporgere denuncia.

Attualmente Barcellona conta 212 cannabis club regolarizzati e l’intenzione municipale è quella di seguire la stessa politica che è stata adottata in questi 30 locali negli altri 182 club e quindi ordinarne la chiusura se non rispettano le norme che impediscono il consumo o promozione.

Chiusura
Per determinare la chiusura, il Consiglio Comunale ha tenuto conto della storia di ogni luogo e delle denunce dei quartieri per il rumore o l’odore della droga. Nello specifico, negli ultimi mesi l’amministrazione comunale ha effettuato controlli in 57 locali, 30 dei quali operavano senza licenza.

Nel 2019, una sentenza della Corte Superiore di Giustizia della Catalogna (TSJC) ha sospeso il piano urbanistico speciale per l’organizzazione 2016 di club e associazioni a Barcellona, ​​ritenendo che violasse una competenza statale in materia di legislazione penale. Due anni dopo, nel 2021, la Corte Suprema (TS) ha respinto il ricorso e la decisione è diventata definitiva. Da allora, il Comune ha avviato la procedura per adeguare il funzionamento di questi club alla norma, poiché, secondo la legislazione, non possono “promuovere, consumare o coltivare questo tipo di sostanze”.

Per redigere i dossier dei locali, il Comune di Barcellona ha tenuto conto dei controlli effettuati in precedenza, dei reclami ricevuti o delle multe inflitte per il mancato rispetto dell’attività. Il fascicolo di chiusura implica andare oltre la sanzione pecuniaria e portare alla chiusura dei locali al massimo 24 mesi dopo. Gli avvisi di chiusura di questi 30 club si sono conclusi questa settimana e ora si apre il periodo per le denunce degli interessati, alle quali il Consiglio Comunale dovrà rispondere.

Il vicesindaco Albert Batlle, in dichiarazioni al suddetto giornale, sottolinea che i cannabis club contribuiscono ai “problemi legati al consumo di droga, così come alla distribuzione e al commercio”. Nonostante i ricorsi presentati dai locali, il Consiglio Comunale afferma che entro 3 mesi verrà ordinata la chiusura, se prima i locali non decideranno di chiudere volontariamente. Inoltre, il consiglio ha ricordato di aver inviato una lettera ai club chiedendo il rispetto del regolamento, in cui venivano anche avvertiti di possibili multe se non lo avessero fatto. Tra gli ostacoli che il Comune ha incontrato c’è l’autorizzazione dei club come sedi. Una situazione che, come hanno insistito, impedisce alla Guardia Urbana di entrare negli stabilimenti.


Il Barcellona ordina la chiusura di 30 cannabis club e prepara la chiusura di tutti i locali

09/07/2024

Germán González

https://amp.epe.es/es/cataluna/20240709/barcelona-ordena-cierre-30-clubs-105417794

Diversi controlli da parte dei tecnici del Comune e della Guardia Urbana hanno accertato numerose inadempienze.

Offensiva del Barcellona contro i cannabis club della città.

La settimana scorsa il Consiglio Comunale ha avviato procedure sanzionatorie contro 30 associazioni di cannabis della città che implicano la loro chiusura da sei mesi a due anni, come stabilito da questo regolamento. Come ha appreso EL PERIÓDICO, diversi controlli effettuati da tecnici dei 10 quartieri della città e da agenti della Polizia Urbana hanno ottenuto prove contro questi locali per considerarli “i più conflittuali“, poiché suscitano denunce da parte dei vicini o hanno potuto per comprovare il consumo e l’eventuale vendita in loco.

Attualmente, Barcellona conta 212 cannabis club regolarizzati. Una sentenza della Corte Superiore di Giustizia della Catalogna del 2019 ha sospeso il piano urbanistico speciale per l’organizzazione nel 2016 dei club e delle associazioni di consumatori di cannabis nella città, ritenendo che violasse una competenza statale in materia di legislazione penale. Nel 2021, la Corte Suprema (TS) ha respinto il ricorso del consiglio e la decisione giudiziaria è diventata definitiva.

Da allora in poi, il consiglio comunale ha avviato la procedura per adeguare il funzionamento di questi cannabis club alla normativa attuale, dal momento che non possono, secondo la legislazione, promuovere, consumare o coltivare questo tipo di sostanze. Per determinare i 30 dossier di chiusura, il Comune ha preso in considerazione “il contesto” di ciascun luogo, come ha spiegato a questo mezzo il direttore di Les Corts e coordinatore del progetto di ispezione della cannabis della gestione territoriale del Comune di Barcellona. Yolanda Hernández.

In questo modo si è tenuto conto dei controlli effettuati in precedenza, dei reclami ricevuti o delle multe comminate per non conformità all’attività. Il dossier di chiusura è un passo in più rispetto alla sanzione pecuniaria e porta al sigillo dei locali al massimo dopo 24 mesi. Gli avvisi di chiusura di questi 30 club si sono conclusi questa settimana e ora si apre il periodo per le denunce degli interessati, alle quali il consiglio comunale dovrà rispondere.

“Conformità rigorosa”

L’Assessore alla Prevenzione, Sicurezza, Convivenza e Regime Interno di Barcellona, ​​Albert Batlle, sottolinea in dichiarazioni a questo giornale che i cannabis club “non hanno posto” in città, poiché devono rispettare le normative vigenti. Inoltre, assicura che queste premesse “fanno parte dei problemi legati al consumo di droga, così come alla distribuzione e al commercio“. “È un problema che vogliamo affrontare e i tecnici e gli agenti della Guardia Urbana devono garantire il rigoroso rispetto della licenza di cui sono in possesso“, sostiene.

Nonostante i ricorsi che potranno essere presentati, il comune afferma che entro tre mesi verrà ordinata la chiusura, a meno che un locale non decida di farlo prima di propria iniziativa. L’intenzione comunale è quella di proseguire con la stessa politica nei 182 locali che rimarranno e ordinarne la chiusura se non verranno rispettate le norme che impediscono il consumo o la promozione. Un terzo dei 30 negozi che devono chiudere le saracinesche si trovano tra Ciutat Vella ed Eixample.

Nei mesi scorsi tecnici comunali e agenti dei Vigili Urbani hanno effettuato un sopralluogo presso 57 cannabis club che ha portato a questi 30 procedimenti sanzionatori di chiusura obbligatoria per via amministrativa. Hernández ha ricordato che dopo la sentenza del TSJC, è stata inviata una lettera ai club affinché rispettassero le norme e nella quale venivano avvertiti di possibili multe se non lo avessero fatto. Tra gli ostacoli che il consiglio ha affrontato c’è, ad esempio, il fatto che alcuni club sono designati come sedi e, quindi, per accedervi è necessaria un’ordinanza del tribunale.

Contro i promotori

Il sindaco Pedro Jiménez, vice capo della Divisione Territoriale della Guardia Urbana di Barcellona, ​​ha spiegato che una delle pratiche che ha rafforzato i dossier di chiusura è stata la scoperta dei “rapitori“, persone che erano principalmente incaricate di promuovere i cannabis club sulle strade pubbliche turisti e accompagnarli alla gente del posto. “La raccolta è illegale, poiché non è consentita la promozione al consumo“, sottolinea il sindaco.

Inoltre questi club sono iscritti all’anagrafe come associazioni e il regolamento impedisce ai non residenti in città di registrarsi come soci, quindi la presenza di turisti, che è stata confermata, è illegale. La loro permanenza in città è temporanea, quindi non possono essere considerati in alcun modo vicini di casa. “C’erano club con migliaia di membri a Ciutat Vella“, dice il consiglio.

Trenta senza licenza

Inoltre, a Barcellona ci sono circa 30 cannabis club illegali la cui chiusura è più rapida perché privi di licenza. Le lamentele del vicinato per il rumore o l’odore delle droghe di solito permettono di individuarli, dicono i funzionari municipali. Nel 2022 i Vigili Urbani hanno effettuato 223 controlli, ma sono riusciti ad entrarne solo in 159, poiché in 48 non è stato consentito l’accesso e in 13 sono state chiuse. Dei 159 che hanno potuto effettuare l’ispezione, circa 85 non hanno rispettato completamente le norme.