CBD contro il cancro colorettale

30 giugno 2024

Elisabetta Erhardt

https://softsecrets.com/es-ES/articulo/cbd-contra-el-cancer-colorrectal

Negli ultimi anni, la ricerca sui benefici della cannabis nel trattamento del cancro del colon-retto ha generato un crescente interesse nella comunità medica e scientifica. Il cancro del colon-retto è uno dei tipi di cancro più comuni al livello mondiale e purtroppo è una delle principali cause di mortalità legate al cancro.

Qual è l’incidenza del cancro colorettale?

Il cancro colorettale è uno dei tumori più comuni al livello mondiale. Nel 2018, l’Organización Mundial de la Salud ha riferito che questo tipo di cancro è il terzo più diagnosticato a livello globale, con 1,8 milioni di casi, e la seconda causa di morte per cancro, con 862.000 fallimenti. È il terzo cancro più comune negli uomini, dopo il cancro al polmone e alla prostata, e il secondo più comune nelle donne, dopo il cancro della mamma.

Quali sono le cause del cancro colorettale?

Il cancro colorettale è più frequente nella parte finale dell’intestino cruento. Esistono molteplici cause e fattori di rischio, come l’infiammazione intestinale, gli antecedenti familiari, l’obesità, la dieta, lo stile di vita, l’età, il tabaquismo e i geni. Inoltre, la maggior parte dei tumori colorettali ha origine da adenomi e polipoli, che sono lesioni precancerose.

Perché è importante il trattamento con cannabinoidi?

Il trattamento attuale del cancro del colon-retto consiste nell’asportazione chirurgica del tumore seguita dalla quimioterapia con farmaci come Oxaliplatino, Fluorouracile e Leucovorina. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che i pazienti sviluppano resistenza ad alcune di queste quimioterapie, come l’oxaliplatino e il fluorouracile. Pertanto, esiste una grande necessità di nuove terapie per trattare il cancro del colon-retto e superare questa resistenza. La cannabis ha dimostrato di essere efficace contro il cancro del colon-retto in studio sia in vivo che in vitro. Presenta effetti antitumorali, già usati da soli o in combinazione con altre chimioterapie. Tuttavia, la maggior parte dei saggi in vivo sono stati realizzati su modelli animali. Pertanto, sono necessari più studi clinici in seri esseri umani per confermare la loro efficacia e sicurezza nelle cliniche. 
Il cannabidiolo nel cancro colorettale resistente alla quimioterapia In uno studio su ratoni, si inseriscono linee cellulari resistenti all’oxaliplatino in un gruppo di ratoni. Se midió el tamaño y peso del tumore cada 2 días. I risultati mostrano che tanto le dimensioni quanto il peso del tumore sono più basse nei ratti trattati con oxaliplatino e CBD, rispetto al gruppo di controllo e nei ratti trattati solo con qualsiasi farmaco.

Che effetto ha il CBD sulle cellule cancerose?

Uno studio realizzato ha dimostrato che il CBD (cannabidiolo) induce l’apoptosi nelle cellule del cancro del colon-retto. In particolare, il CBD riduce la vitalità di queste cellule aumentando la produzione di marcatori apoptotici, il che indica l’induzione dell’apoptosi. Gli autori dello studio hanno scoperto che il CBD ha attivato una proteina associata all’apoptosi, cosa che ha provocato danni all’ADN e all’apoptosi.Inoltre, un altro meccanismo con cui il CBD induce l’apoptosi è l’aumento dell’espressione del recettore induttore dell’apoptosi, che stimola l’apoptosi nelle cellule del cancro colorettale. Tuttavia, questo non ha effetto sulle cellule colorate rettangolari normali.

Che effetto ha il CBD sulle metastasi?

L’uso del CBD (canabidiolo) può essere efficace per il trattamento della metastasi del cancro colorettale. Gli studi hanno dimostrato che il CBD agisce come antagonista del recettore GPR55, la cui attivazione promuove la metastasi del cancro. Quando è stato applicato il CBD in vitro sulle cellule del cancro del colon-retto, ha inibito il recettore GPR55, riducendo così l’adesione, l’invasività e la migrazione delle cellule cancerose. Questo suggerimento suggerisce che il CBD potrebbe essere un’opzione terapeutica utile per trattare le metastasi del cancro colorettale negli adulti.

Che effetto ha il CBD sulla proliferazione del cancro colorettale?

Il CBD, uno dei principali componenti della cannabis, ha dimostrato di avere effetti benefici nel trattamento del cancro colorettale.

Alcuni dei meccanismi di cui il CBD combatte questo blocco includono:

Soppressione della proliferazione cellulare: gli studi hanno dimostrato che il CBD ha un effetto antiproliferativo significativo sulle cellule del cancro colorettale, che ne riduce la crescita e la divisione.

Effetto preventivo: Durante le prove effettuate sui ratoni, si è osservato che il trattamento precedente con CBD ha ridotto drasticamente la formazione di polipi e tumori rispetto al gruppo di controllo.

Questi avvertimenti suggeriscono che il CBD potrebbe essere un’alternativa terapeutica utile per il trattamento e la prevenzione del cancro del colon-retto. I risultati vengono presentati in modo professionale e sono rilevanti per gli adulti.

Che effetto ha il CBD sull’angiogenesi?

L’angiogenesi (formazione di nuovi vasi sanguigni) è la chiave per la progressione e la metastasi del cancro, poiché è considerata un obiettivo efficace per il trattamento del cancro. Studi scientifici hanno dimostrato che il cannabidiolo (CBD) ha un effetto antiangiogenico, proprio come quando le vengono conferite proprietà antitumorali e antimetastiche. In un gruppo di ratti affetti da cancro al colon, il trattamento con CBD ha comportato una diminuzione della dimensione del tumore rispetto al gruppo di controllo non trattato. Queste preoccupazioni suggeriscono che il CBD potrebbe essere un’opzione terapeutica utile per il trattamento del cancro. 
¿I cannabinoidi hanno un effetto antinfiammatorio sul cancro del colon-retto?

L’infiammazione e il cancro sono correlati, poiché l’infiammazione può causare il cancro e il cancro può anche indurre l’infiammazione. I cannabinoidi hanno dimostrato risultati positivi nel trattamento di malattie infiammatorie, come la colite ulcerosa e altre malattie infiammatorie intestinali, così come nell’infiammazione causata dal cancro. I cannabinoidi, come il cannabidiolo (CBD), hanno proprietà antinfiammatorie che possono aiutare a ridurre l’infiammazione associata al cancro. Gli studi sui ratti con cancro al colon mostrano che i livelli di sostanze infiammatorie nel sangue erano significativamente più alti di quelli normali, il che suggerisce la presenza di infiammazione che induce il cancro. Tuttavia, nei ratti trattati con CBD, i livelli di queste sostanze infiammatorie furono significativamente più bassi che nei ratti con cancro al colon non trattati.

Ciò indica che il CBD può ridurre l’infiammazione causata dal cancro.

In sintesi, l’attuale indagine suggerisce che la cannabis e i suoi composti potrebbero rappresentare un documento importante nel trattamento del cancro del colon-retto. Fonte: ALSalamat, H.A., Abuarab, S.F., Salamah, H.M.et al. Cannabis e cancro: rivelare il potenziale di un aliado verde nel cancro della mamma, del colon-retto e della prostata._ J Cannabis Res _6, 24 (2024). https://doi.org/10.1186/s42238-024-00233-z