I cannabinoidi contro il cancro al seno.

30 giugno 2024

Elisabetta Erhardt

https://softsecrets.com/es-ES/articulo/cannabinoides-contra-el-cancer-de-mama

Il cancro al seno è una delle patologie più comuni e devastatori che colpiscono le donne in tutto il mondo. Mentre la ricerca medica avanza, ha esplorato una varietà di terapie e trattamenti, incluso l’uso di cannabis, per affrontare gli effetti collaterali secondari e i sintomi associati a questa infermità.   

Perché la cannabis potrebbe aiutare nella lotta contro il cancro?

La cannabis, e in particolare i composti attivi conosciuti come i cannabinoidi, hanno dimostrato di possedere proprietà terapeutiche che possono essere benefiche nel trattamento del cancro al seno.

Vari studi scientifici hanno suggerito che i cannabinoidi possono avere effetti antiproliferativi, vale a dire la capacità di inibire la crescita e la propagazione delle cellule cancerose.

Inoltre, si è osservato che la cannabis può aiutare a alleviare alcuni degli effetti secondari comuni del trattamento del cancro, come nausea, vomito, dolore e perdita di appetito.

Negli ultimi anni sono state generate prove cliniche che suggeriscono l’efficacia dei cannabinoidi nel trattamento del cancro.

Questa prova è stata dimostrata tanto negli studi in vitro, utilizzando colture cellulari, come negli studi in vivo, con modelli animali come ratoni. Questo avvertimento è di grande rilevanza per il trattamento del cancro negli adulti. 
Qual è l’effetto antitumorale del CBD?

Per quanto riguarda gli effetti dei fitocannabinoidi sul cancro delle mammelle, uno studio ha scoperto che il CBD era il più potente per inibire l’aumento del cancro, seguito dal cannabigerolo, dal cannabicromeno e dall’acido cannabidiolo.

In relazione agli effetti del cannabidiolo e della metanandamida (un analogo dell’anandamida) alla riduzione della crescita tumorale e alla diminuzione del numero di metastasi polmonari nei ratoni, l’antagonista del recettore CB1 ha anche dimostrato di avere un effetto di riduzione della dimensione del tumore nei ratti infettati da cellule cancerose. 
Qual è l’effetto antitumorale del THC?

In diverse linee cellulari di carcinoma mammario in vitro, è stato confermato che i cannabinoidi hanno la capacità di migliorare l’apoptosi e inibire tanto la proliferazione quanto la migrazione di queste cellule cancerose.

Nello specifico, il ∆9-THC (tetraidrocannabinolo) induce l’apoptosi e inibisce la proliferazione delle cellule tumorali della mamma attraverso l’attivazione del recettore CB2. Inoltre, altri agonisti endogeni del recettore CB1, come l’anandamida, l’oleamida e il 2-arachidonoilglicerolo, hanno anche un effetto antiproliferativo. L’asimismo, l’arvanil, un agonista sintetico del recettore CB1, inibisce anche la proliferazione cellulare. Inoltre, si è scoperto che l’anandamida riduce la sintesi dei recettori della prolattina, riducendo così l’effetto della prolattina sulle cellule materne.

Ciò comporta una diminuzione nella sintesi del prodotto del genere di suscettibilità al cancro al seno, che è un indicatore della proliferazione delle cellule epiteliali mamatiche umane.

Il ∆9-THC, il principale componente psicoattivo della cannabis, riduce la proliferazione delle cellule del cancro al seno durante la detenzione del ciclo cellulare, che contribuisce all’induzione dell’apoptosi. Questo effetto si spiega con l’attivazione dei recettori CB2.

Inoltre, studi in vivo hanno dimostrato che il THC inibisce la proliferazione delle cellule tumorali, ha un effetto antiangiogenico nel ridurre il numero di vasi sanguigni e la vascolarizzazione, e riduce anche la percentuale di animali con metastasi polmonari rispetto al gruppo di controllo. Gli avvertimenti suggeriscono che il THC potrebbe avere proprietà terapeutiche nel trattamento del cancro al seno.

Fonte: ALSalamat, H.A., Abuarab, S.F., Salamah, H.M.et al.Cannabis e cancro: rivelare il potenziale di un aliado verde nel cancro della mamma, del colon-retto e della prostata._ J Cannabis Res _6, 24 (2024). https://doi.org/10.1186s42238-024-00233-z Titolo: L’uso della cannabis nel trattamento del cancro al seno.