Le autorità tedesche approvano il primo Marijuana Social Club del paese da quando è entrata in vigore la legalizzazione

8 luglio 2024

Kyle Jaeger

https://www.marijuanamoment.net/german-officials-approve-countrys-first-marijuana-social-club-since-legalization-took-effect/?

Il primo marijuana social club tedesco è stato ufficialmente approvato, appena una settimana dopo l’entrata in vigore della legge che consente tale autorizzazione.

La ministra dell’agricoltura della Bassa Sassonia Miriam Staudte ha annunciato lunedì che il suo ufficio ha concesso il permesso al Social Club Ganderkesee. Ciò consentirà alla cooperativa di iniziare a coltivare marijuana per i soci, l’ultimo sviluppo nell’attuazione della legge tedesca sulla legalizzazione.

Si prevede che altri permessi seguiranno in tutto il paese nelle prossime settimane, mentre alcuni stati come la Baviera hanno segnalato che eserciteranno la loro autorità per imporre restrizioni e fare in modo che i permessi non vengano assegnati prima dell’autunno.

Staudte, da parte sua, ha affermato che questo primo rilascio di permesso rappresenta un “passo storico per la tutela dei consumatori e la coltivazione controllata di cannabis in Germania“, secondo una traduzione.

In Germania è diventato legale per gli adulti possedere e coltivare marijuana per uso personale ad aprile, ma finora non c’è stato alcun modo per ottenere legalmente cannabis in altro modo.

I social club saranno limitati ad avere 500 soci ciascuno e a vendere fino a 50 grammi di marijuana a persona al mese. I cannabis social club “sono una parte importante della lotta contro il mercato nero“, ha affermato la scorsa settimana Carmen Wegge, una deputata del Partito Social Democratico (SPD), secondo una traduzione. “Anche se non hai un pollice particolarmente verde, un CSC è sicuramente una buona alternativa“.

Nel frattempo, sostenitori e parti interessate stanno ancora aspettando il piano del governo per il secondo pilastro della legge che dovrebbe prevedere un modello di vendita commerciale più ampio.

Il mese scorso, i legislatori tedeschi hanno anche approvato una serie di modifiche alla legge sulla legalizzazione della marijuana del paese, imponendo restrizioni relative alla guida in stato di ebbrezza e dando agli stati maggiore autorità per stabilire limiti alla coltivazione di cannabis all’interno dei loro confini. Gli emendamenti sono stati il ​​risultato di un precedente accordo tra il governo federale e i legislatori, stipulato per evitare un ritardo di mesi nell’attuazione della legge sulla legalizzazione.

Una delle modifiche offre agli stati una maggiore flessibilità per stabilire restrizioni sulla coltivazione presso le cooperative che ora possono iniziare a distribuire cannabis ai soci. I governi regionali potranno imporre limiti alle dimensioni delle pensiline della cooperativa.

Una misura separata adottata dai legislatori federali il mese scorso stabilisce un limite di THC per sé per la guida in stato di ebbrezza. La legislazione, che si è rivelata più controversa data la mancanza di prove scientifiche a sostegno dell’efficacia di tali politiche, fa sì che i conducenti siano considerati in stato di ebbrezza se hanno più di 3,5 ng/ml di THC nel sangue. L’emendamento vieta inoltre la guida a chi ha consumato sia marijuana che alcol, indipendentemente dalla quantità.

Nel frattempo, il ministro della Salute Karl Lauterbach, che ha guidato gli sforzi del governo per la legalizzazione della cannabis, ha detto ai membri del Bundestag a dicembre che “stiamo attualmente esaminando” il piano di vendita commerciale come parte del secondo pilastro. Ma con la legalizzazione in vigore, c’è stata una maggiore pressione per accelerare tale processo. Il Consiglio federale che rappresentava i singoli stati aveva precedentemente tentato di bloccare la proposta di legalizzazione ora promulgata lo scorso settembre, ma alla fine non ci è riuscito.

Mentre il Consiglio federale tedesco ha approvato il quadro iniziale per una misura di legalizzazione alla fine del 2022, il governo ha anche affermato di voler ottenere l’approvazione dell’UE per garantire che l’attuazione della riforma non li avrebbe messi in violazione dei loro obblighi internazionali. I funzionari hanno compiuto un primo passo verso la legalizzazione nel 2022, dando il via a una serie di udienze volte ad aiutare a informare la legislazione per porre fine al proibizionismo nel paese.

I funzionari governativi di diversi paesi, tra cui gli Stati Uniti, si sono anche incontrati in Germania lo scorso novembre per discutere di questioni politiche internazionali sulla marijuana mentre la nazione ospitante lavora per promulgare la legalizzazione. Un gruppo di legislatori tedeschi, così come il commissario per gli stupefacenti Burkhard Blienert, hanno visitato separatamente gli Stati Uniti e hanno visitato le aziende di cannabis in California nel 2022 per informare l’approccio del loro paese alla legalizzazione.

La visita è avvenuta dopo che alti funzionari di Germania, Lussemburgo, Malta e Paesi Bassi hanno tenuto un incontro unico nel suo genere per discutere piani e sfide associati alla legalizzazione della marijuana ricreativa.

I leader del governo di coalizione hanno affermato nel 2021 di aver raggiunto un accordo per porre fine al divieto di cannabis e promulgare regolamenti per un settore legale, e hanno presentato in anteprima alcuni dettagli di tale piano nel 2022.

Un nuovo sondaggio internazionale pubblicato nel 2022 ha rilevato un sostegno della maggioranza alla legalizzazione in diversi paesi europei chiave, tra cui la Germania.

Nel frattempo, l’organismo di controllo della droga delle Nazioni Unite (ONU) ha recentemente ribadito di considerare la legalizzazione della marijuana per scopi non medici o scientifici una violazione dei trattati internazionali, sebbene abbia anche affermato di apprezzare il fatto che il governo tedesco abbia ridimensionato il suo piano sulla cannabis prima del recente voto.